Rassegna Cassazione Civile 2015 - Volume II° - Parte Nona - Uffici Notificazioni Esecuzioni Protesti & Diritto

www . Ufficiale Giudiziario . eu
Vai ai contenuti

Rassegna Cassazione Civile 2015 - Volume II° - Parte Nona

---
                                           VOLUME SECONDO  -  PRINCIPÎ DI DIRITTO PROCESSUALE
PARTE NONA - IL PROCESSO
IL PROCESSO IN GENERALE (di  Francesca Miglio  ed  Andrea Penta) 
1. Il giudice 
1.1. Determinazione del valore della causa 
1.2. Competenza per valore
1.3. Competenza per materia 
1.3.1. Ripartizione delle funzioni tra le sezioni specializzate in materia di proprietà intellettuale ed industriale di cui al d.lgs. 27 giugno 2003 n. 168 e giudice del lavoro 
1.4. Competenza per territorio
1.4.1. Foro del consumatore 
1.5. Regolamento di competenza su istanza di parte 
1.6. Regolamento di competenza di ufficio 
1.7. Delle modificazioni della competenza per ragioni di connessione 
1.7.1. Accertamento del rapporto pregiudicante 
1.7.2. Domanda riconvenzionale 
1.8. Litispendenza 
1.9. Continenza 
1.10. Astensione e ricusazione 
2. Gli ausiliari del giudice. Il consulente tecnico d’ufficio 
3. Il Pubblico Ministero, le parti e i difensori 
3.1. La partecipazione del Pubblico Ministero al processo civile 
3.2. Le parti. Capacità processuale 
3.3. I difensori 
3.4. Le spese processuali
4. Il principio della domanda 
5. Interesse ad agire 
6. Legittimazione ad agire 
7. Il principio del contraddittorio 
8. Pluralità di parti 
8.1 Litisconsorzio necessario 
8.2. Litisconsorzio facoltativo 
8.3. Intervento volontario e integrazione del contraddittorio
8.4. Successione di parti 
9. I principi generali. L’art. 112 c.p.c. 
9.1. L’omessa pronuncia 
10. Il principio di disponibilità delle prove 
10.1. Il principio di non contestazione 
11. La valutazione delle prove 
12. Le forme degli atti e dei provvedimenti 
12.1. Il contenuto della sentenza 
12.2. La decisione a seguito di trattazione orale 
13. La pubblicazione e comunicazione della sentenza 
14. Le notificazioni
14.1. Le varie fattispecie di notificazione 
14.2. Le notificazioni a mezzo del servizio postale
15. I termini processuali 
16. La nullità degli atti 
16.1. I vizi di costituzione del giudice 
17. La nullità della sentenza

IL GIUDIZIO DI PRIMO GRADO (di Eduardo Campese) 
1. L’introduzione della causa in generale 
1.1. Le domande originariamente proposte 
1.2. I vizi degli atti introduttivi e della costituzione delle parti
1.3. Chiamata in causa ed intervento del terzo 
2. La fase di trattazione in generale 
2.1. La precisazione o modificazione delle domande 
3. Le vicende anormali del processo 
3.1. Riunione, separazione e trasferimento di procedimenti
3.2. Sospensione del processo 
3.3. Interruzione del processo 
4. La decisione della causa ed i vizi del relativo provvedimento
LE PROVE (di Rosaria Giordano) 
1. Principio di non contestazione 
2. Onere della prova 
2.1. Controversie in materia di obbligazioni 
2.2. Controversie in tema di responsabilità extracontrattuale 
2.3. Controversie in materia di lavoro 
2.4. Opposizione a sanzioni amministrative irrogate dalla Banca d’Italia
2.5. Parità delle armi tra le parti ed attenuazione della regola dell’onere della prova
3. Documenti
3.1. Disconoscimento e verificazione della scrittura privata 
3.2. Querela di falso
4. Confessione 
5. Testimonianza 
5.1. Limiti oggettivi di ammissibilità della prova per testi 
5.2. Limiti soggettivi di ammissibilità della prova per testi 
5.3. Deduzione ed ammissione della prova 
5.4. Confronto
6. Presunzioni 
7. Prove atipiche 
8. Consulenza tecnica d’ufficio
LE IMPUGNAZIONI (di Salvatore Saija) 
1. Le impugnazioni in generale
2. Appello. Le novità normative. Evoluzione applicativa
3. (segue) In generale 
4. Cassazione. Le novità normative. Evoluzione applicativa 
5. (segue) In generale 
6. Revocazione
IL PROCESSO DEL LAVORO E PREVIDENZIALE (di Giovanni Fanticini e Milena d’Oriano) 
1. Questioni di giurisdizione 
2. Questioni di competenza 
3. Varie questioni di rito 
3.2. Thema decidendum 
3.3. Mezzi istruttori 
3.4. Inattività delle parti 
3.5. Decisione e giudicato 
4. Il processo in primo grado 
5. Le impugnazioni
6. L’impugnazione dei licenziamenti e il cd. rito Fornero 
7. Profili specifici del processo in materia di previdenza 
7.1. La competenza territoriale 
7.2. La consulenza tecnica 
7.3. I mezzi di prova 
7.4. Il regime delle spese
7.5. L’accertamento tecnico preventivo ex art. 445 bis c.p.c.
IL PROCESSO DI ESECUZIONE (di Raffaele Rossi)
1. Condizioni dell’azione esecutiva 
2. Titolo esecutivo 
3. Espropriazione presso terzi 
4. Espropriazione immobiliare: forma dell’atto di pignoramento e suo oggetto 
4.1. La vendita forzata
5. Opposizioni esecutive: profili comuni 
6. Opposizione all’esecuzione e opposizione di terzo all’esecuzione 
7. Opposizione agli atti esecutivi 
8. Controversie in sede di distribuzione del ricavato
I PROCEDIMENTI SPECIALI (di Francesco Federici) 
1. Premessa 
2. Il procedimento per ingiunzione 
3. Il procedimento per convalida di licenza o sfratto 
4. I procedimenti cautelari, di istruzione preventiva, nunciatori, possessori, di urgenza 
5. Il procedimento sommario di cognizione 
6. I procedimenti camerali 
7. Gli altri procedimenti speciali
1. Il giudizio di separazione personale dei coniugi: termini processuali 
2. Accertamento dello stato di abbandono e procedimento di adozione 
3. L’audizione del minore nelle procedure che lo riguardano 
4. Il collocamento dei minori 
5. I figli nati fuori dal matrimonio 
6. Provvedimenti limitativi o ablativi della responsabilità genitoriale 
7. Giurisdizione e competenza in materia di sottrazione internazionale e rientro dei minori 
8. Riconoscimento del figlio minore da parte del genitore infrasedicenne: competenza 
9. L’accertamento giudiziale della paternità. L’impugnazione del riconoscimento del minore per difetto di veridicità, regime probatorio
10. Rettificazione di sesso, competenza territoriale 
11. Amministrazione di sostegno e procedure di interdizione e di inabilitazione 
12. Comunione legale dei coniugi, revocatoria e (insussistenza del) litisconsorzio 
13. Procedure minorili, volontaria giurisdizione e ricorso per cassazione 
14. Il riconoscimento della sentenza ecclesiastica dichiarativa della nullità del matrimonio
1. Premessa 
2. Questioni di costituzionalità
2.1. Sul market abuse in relazione al principio di specialità e al divieto del ne bis in idem 
2.2. Sul principio di irretroattività 
3. In materia di sanzioni amministrative bancarie e finanziarie 
4. Sanzioni amministrative in materia di violazioni del codice della strada 
5. Pronunce in materia di sanzioni amministrative aventi ad oggetto il rito 
6. Altre pronunce di interesse
1. La dichiarazione di fallimento 
1.1. Gi organi della procedura fallimentare
1.2. L’impugnazione della pronuncia resa sull’istanza di fallimento 
1.3. La formazione dello stato passivo e le correlate opposizioni 
1.4. La chiusura del fallimento 
2. Il concordato fallimentare 
3. L’esdebitazione 
4. Il concordato preventivo: modifiche legislative 
4.1. Il concordato preventivo ed i suoi rapporti con il fallimento
5. Gli accordi di ristrutturazione dei debiti 
6. L’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi 
7. La liquidazione coatta amministrativa
IL PROCESSO TRIBUTARIO (di Giuseppe Nicastro e Andrea Venegoni) 
1. La giurisdizione tributaria 
2. La struttura impugnatoria del processo: la cognizione incidentale del giudice tributario e l’irrilevabilità d’ufficio della nullità dell’atto tributario 
3. Le parti e la loro rappresentanza e assistenza in giudizio 
3.1. La legittimazione processuale
3.2. La rappresentanza in giudizio 
3.3. L’assistenza tecnica 
3.4. Il litisconsorzio
3.5. Le spese del giudizio 
4. Il procedimento dinanzi alla commissione tributaria provinciale
4.1. Gli atti impugnabili e l’oggetto del ricorso
4.2. Il ricorso 
4.2.1. Il termine 
4.2.2. La rimessione nel termine 
4.3. La costituzione in giudizio del ricorrente 
4.4. La costituzione in giudizio della parte resistente 
4.5. Il deposito di atti e documenti 
4.6. L’avviso di trattazione della controversia 
4.7. L’istruzione probatoria
4.7.1. L’onere della prova
4.7.2. Il dovere dell’amministrazione finanziaria di esibire i documenti in suo possesso
4.7.3. I documenti redatti in lingua straniera 
4.7.4. Le dichiarazioni extraprocessuali rese dal terzo
4.7.5. Il valore probatorio delle perizie di parte e, in particolare, della relazione di stima redatta dall’UTE 
4.7.6. L’efficacia della sentenza penale irrevocabile 
4.7.7. I poteri istruttori officiosi del giudice tributario
4.7.8. Le prove escluse dalle singole leggi d’imposta 
4.8. La sospensione, l’interruzione e l’estinzione del processo 
4.8.1. La sospensione del processo
4.8.2. L’interruzione del processo 
4.8.3. L’estinzione del processo 
4.9. La deliberazione della decisione 
4.10. La decisione 
5. Le impugnazioni
5.1. Il giudizio di appello 
5.1.1. La proposizione 
5.1.2. La legittimazione ad appellare, la capacità a stare in giudizio e la partecipazione dell’Agenzia delle Entrate 
5.1.3. Litisconsorzio 
5.1.4. Tempestività dell’impugnazione 
5.1.5. Comunicazioni alle parti
5.1.6. Svolgimento del giudizio 
5.1.7. Istruttoria 
5.1.8. La deliberazione e la sentenza 
5.1.9. L'estinzione 
5.2. Il giudizio di cassazione 
5.2.1. La proposizione 
5.2.2. I motivi di ricorso 
5.2.3. I requisiti del ricorso: il principio di autosufficienza 
5.2.4. La fase istruttoria
5.2.5. La decisione 
5.2.6. L’estinzione per rinuncia 
5.2.7. Il giudizio di rinvio
5.3. La revocazione 
6. Il giudicato 
7. La conciliazione 
8. Il giudizio di ottemperanza 
9. Il patrocinio a spese dello Stato nel processo tributario
I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI (di Gianluca Grasso) 
1. Premessa 
2. La responsabilità disciplinare dei magistrati 
2.1. Gli illeciti disciplinari 
2.1.1. I comportamenti che, violando i doveri di imparzialità, correttezza, diligenza, laboriosità, riserbo ed equilibrio, e di rispetto della dignità della persona, arrecano un ingiusto danno o un indebito vantaggio a una delle parti 
2.1.2. L’omissione della comunicazione delle situazioni di incompatibilità
2.1.3. La violazione del dovere di correttezza 
2.1.4. La grave violazione di legge determinata da ignoranza o negligenza inescusabile 
2.1.5. L’indebito affidamento ad altri di attività rientranti nei propri compiti 
2.1.6. Il reiterato, grave e ingiustificato ritardo nel compimento degli atti relativi all’esercizio delle funzioni 
2.1.7. La condotta disciplinare irrilevante 
2.2. Il procedimento disciplinare 
2.2.1. Profili generali 
2.2.2. Termini dell’azione disciplinare 
2.2.3. Rapporti tra il procedimento disciplinare e il giudizio penale 
2.2.4. Impugnazioni delle decisioni della Sezione disciplinare del C.S.M
2.3. Le misure cautelari 
2.3.1. Trasferimento cautelare ad altra sede 
2.3.2. Sospensione cautelare obbligatoria 
2.3.3. Cessazione degli effetti della sospensione cautelare 
3. La responsabilità disciplinare degli avvocati 
3.1. Gli illeciti disciplinari 
3.2. Il procedimento disciplinare 
3.2.1. Sospensione per pregiudizialità penale e decorrenza del termine per la riassunzione ex art. 297 c.p.c. 
3.2.2. Il nuovo codice deontologico e i procedimenti in corso al momento della sua entrata in vigore: favor rei e regime della prescrizione 
4. La responsabilità disciplinare dei notai
L’ARBITRATO (di Fabio Antezza)
1. Premessa 
2. Compromesso: interpretazione e distinzione tra arbitrato rituale ed irrituale 
3. Patto compromissorio: validità e vessatorietà 
4. Arbitrato ed appalto di opere pubbliche 
5. Arbitrato, anche estero, e procedure concorsuali 
6. Arbitrato, “arbitrato societario” e diritto del lavoro
7. Procedimento e principio del contraddittorio 
8. Anticipazione delle spese e prosecuzione del procedimento 
9. Nullità del lodo e sua impugnazione
10. Rapporti tra arbitri ed autorità giudiziaria: eccezione di compromesso e questioni di competenza e di giurisdizione 
11. Riconoscimento ed esecuzione in Italia di lodi stranieri

 
 
 
Copyright 2017 UFFICIALEGIUDIZIARIO.EU - ( 2001 - 2004 - 2009 - 2011 - 2012 - 2014 ugmonopoli.it )
Torna ai contenuti