Rassegna Cassazione Penale 2015 - Parte Prima - Sezione III - Uffici Notificazioni Esecuzioni Protesti & Diritto

www . Ufficiale Giudiziario . eu
Vai ai contenuti

Rassegna Cassazione Penale 2015 - Parte Prima - Sezione III

---

 
PARTE PRIMA - QUESTIONI DI DIRITTO SOSTANZIALE 
SEZIONE III - REATI PREVISTI DALLA LEGISLAZIONE COMPLEMENTARE
CAPITOLO I - LA RILEVANZA DELLE FALSE VALUTAZIONI AI FINI DELLA CONFIGURABILITÀ DEL REATO DI CUI ALL’ART. 2621 CODICE CIVILE (Piero Silvestri)
1. La riformulazione della false comunicazioni sociali. Cenni 
2. La nozione di “fatto” oggetto della falsa comunicazione e le valutazioni di bilancio: la questione 
3. Il dato testuale delle norme e il sintagma “ancorchè oggetto di valutazioni” 
4. Le modifiche apportate dal legislatore del 2015 
4.1. (segue). La sentenza della Quinta Sezione della Corte di cassazione n. 33774 del 16 giugno 2015 
4.2. (segue). La tesi dottrinale che esclude la rilevanza del fatto valutativo
4.3. (segue). Gli effetti di tale impostazione 
5. La tesi secondo cui i nuovi artt. 2621-2622 cod. civ. consentono di attribuire rilevanza al c.d. falso valutativo 
5.1. (segue). Le argomentazioni legate al dato letterale della disposizione di legge; il significato delle parole “fatti materiali” 
5.2. (segue). La valenza della eliminazione del sintagma “ancorchè oggetto di valutazioni” 
5.3. (segue). Sul valore della mancata modifica dell’art. 2638 cod. civ. 
5.4. Le conclusioni che se ne fanno derivare 
5.5. Le argomentazioni di tipo sistematico: la rilevanza penale della valutazione e le clausole generali di redazione del bilancio 
6. La notizia di decisione del 12 novembre 2015
CAPITOLO II - AGGRAVAMENTO DEL DISSESTO E CONFIGURABILITÀ DEL REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA SOCIETARIA
(Piero Silvestri)
1. La bancarotta impropria da reato societario. Cenni 
2. Il rapporto tra l’attività illecita e il dissesto della società 
2.1. (segue). La giurisprudenza della Corte di cassazione 
3. La tesi secondo cui ai fini del delitto previsto dall’art. 223, comma 2. n. 1, l. fall., l’aggravamento del dissesto sarebbe irrilevante
CAPITOLO III - LE SEZIONI UNITE E IL SISTEMA TABELLARE IN MATERIA DI STUPEFACENTI. L’OFFERTA DI SOSTANZA DROGANTE
(Matilde Brancaccio)
1. Premessa 
2. Incostituzionalità della legge n. 49 del 2006 e rilevanza penale delle condotte aventi ad oggetto sostanze stupefacenti incluse nelle tabelle solo successivamente alla sua entrata in vigore 
2.1. La questione sottoposta alle Sezioni unite ed i principi affermati: sintesi 
2.2. Le Sezioni unite si confrontano con la questione delle conseguenze sugli illeciti penali aventi ad oggetto le sostanze introdotte in tabella per la prima volta da una legge incostituzionale 
2.3. La soluzione adottata 
3. I presupposti per la configurabilità della condotta di offerta di sostanze stupefacenti: Sez. un. n. 22471 del 26 febbraio 2015, Sebbar 
3.1. L’offerta di stupefacente e le condizioni per la sua configurabilità come reato
CAPITOLO IV - I REATI TRIBUTARI E L’INCIDENZA DELLE RIFORME LEGISLATIVE DEL 2015 (Pietro Molino)
1. Premessa 
3. Le operazioni “elusive”
4. I mezzi fraudolenti 
5. L’omesso versamento di ritenute certificate 
6. L’indebita compensazione 
7. La confisca
CAPITOLO V - LA CONSUMAZIONE DEL REATO DI ACCESSO ABUSIVO AD UN SISTEMA INFORMATICO O TELEMATICO 
(Giuseppe Marra)
1. Il caso in esame 
2. La decisione delle Sezioni unite 
3. Le condotte punite dal reato di cui all’art. 615 ter c.p. 
4. L’unicità del sistema informatico 
5. La consumazione del reato di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico
CAPITOLO VI - PROFILI PROBLEMATICI IN TEMA DI TRUFFA INFORMATICA (Giuseppe Marra)
1. Il problema del locus commissi delicti
2. La posizione della Procura Generale sui contrasti tra P.M.
CAPITOLO VII - IL RIFIUTO DI SOTTOPORSI ALL’ACCERTAMENTO DEL TASSO ALCOOLIMETRICO (Assunta Cocomello)
1. I rapporti tra il reato di guida in stato di ebbrezza e quello di rifiuto di sottoporsi al test alcoli metrico 
2. Le Sezioni unite sulla configurabilità dell’aggravante del procurato incidente stradale nell’ipotesi di rifiuto di sottoporsi all’accertamento del tasso di alcool 
3. Le Sezioni unite sull’applicabilità del raddoppio della durata della sanzione della sospensione della patente di guida anche all’ipotesi del rifiuto

 
 
Copyright 2017 UFFICIALEGIUDIZIARIO.EU - ( 2001 - 2004 - 2009 - 2011 - 2012 - 2014 ugmonopoli.it )
Torna ai contenuti