Rassegna Cassazione Penale 2015 - Parte Terza - Sezione III - Uffici Notificazioni Esecuzioni Protesti & Diritto

www . Ufficiale Giudiziario . eu
Vai ai contenuti

Rassegna Cassazione Penale 2015 - Parte Terza - Sezione III

---
               TERZA PARTE - QUESTIONI  DI DIRITTO PROCESSUALE 
SEZIONE TERZA - LE PROVE
CAPITOLO I - IL REGIME DI UTILIZZABILITÀ DELLE DICHIARAZIONI RESE DALL’INDAGATO IN PROCEDIMENTO CONNESSO
(Vittorio Pazienza)
1. Premessa 
2. I termini del contrasto e l’ordinanza di rimessione 
3. La decisione delle Sezioni unite 
3.1. Inutilizzabilità delle dichiarazioni non precedute dall’avviso 
3.2. Dichiarazioni autoindizianti e compatibilità con l’ufficio di testimone 
3.3. La valutazione “sostanziale” del dichiarante 
3.4. Rilievi di sintesi 
4. Le pronunce più recenti
CAPITOLO II - PERCORSI DELLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI INTERCETTAZIONI (Luigi Giordano)
1. Premessa 
2. La motivazione del provvedimento: il collegamento tra il reato da accertare e la
persona intercettata 
2.1. (segue). La proroga della captazione 
2.2. (segue). Richiesta del pubblico ministero e cognizione del GIP 
3. Intercettazioni disposte per un reato di cui all’elenco dell’art. 266 cod. proc. pen. ed utilizzabilità per i restanti reati dello stesso procedimento 
3.1. (segue). La separazione del procedimento in origine unitario 
4. Utilizzazione delle intercettazioni in procedimenti diversi: nozione sostanziale di “stesso procedimento” e rilievo della originaria unitarietà 
4.1. (segue). I presupposti per l’utilizzo delle captazioni eseguite aliunde
5. Intercettazioni tra presenti: la necessaria determinazione del luogo 
6. Intercettazioni e nuove tecnologie: premessa 
6.1. (segue). La sentenza sull’agente intrusore 
6.2. (segue). Le intercettazioni dei messaggi PIN to PIN 
7. Il valore probatorio delle conversazioni captate e la loro interpretazione 
7.1. Conversazioni avvenute nella lingua dell’imputato e diritto alla traduzione degli atti 
8. Questioni di inutilizzabilità: il rilievo del vizio
8.1. (segue). La “delimitazione” dell’area operativa della violazione dell’art. 203 cod. proc. pen. 
8.2. (segue). Omessa trasmissione dei “brogliacci di ascolto” 
8.3. (segue). L’uso di impianti diversi da quelli della Procura 
8.4. (segue). Ulteriori violazioni procedurali 
8.5. (segue). Il limite temporale all’utilizzabilità dei tabulati

 
 

Copyright 2017 UFFICIALEGIUDIZIARIO.EU - ( 2001 - 2004 - 2009 - 2011 - 2012 - 2014 ugmonopoli.it )
Torna ai contenuti